Il dio delle botti

Ehh Vitellio, Vitellio,
nel tuo paese là sul Collio,
adesso che di maggio i pampini rigogliosi
rassicuran l’occhio e promettono ai palati,
cominci a girovagar pedalando
la tua fidanzata rossa,
trillando il campanello
a quelli che conosci 
per le strade di collina

pari un latino dio silvano
che ignorando recenti confini e divisioni
ricama su quelle faticate terre
vecchi ricordi di tempi lontani,
protettore di quelle dolci verdi distese
che daranno di qui a qualche mese
del rosso e biondo profumato nettare
lenitor dell’arsura di vivere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close