L’estraneità

e fingere ad ogni dunque
che la propria vita sia quella esteriore
anche fottendosene che i parametri
proprio non si somiglino

l’ingenuità di chi vive nel malanno
è pari a quella dell’affamato:
per un pezzo di pane cambio nome a mia madre
per una crosta di formaggio mi fingo cieco

qualche problema in più 
s’incontra nell’espression dei sentimenti
forse perché son essi tutto pe’ gli altri 
ma non per chi vive da specchio
e riflette su deformate immagini riflesse ….

5 pensieri riguardo “L’estraneità

  1. Deformate immagini riflesse. Ineluttabili, a loro modo vivide, talvolta soffocanti. Eppure, riflettendoci, a parte i sistemi per bypassarle, tracce di autenticità reciproca dimorano in particolari benevolmente tralasciati in fase di costruzione della duplice visione.

    "Mi piace"

  2. Né, quando m’impegno? Sembro vera 😉

    "Mi piace"

      1. senti maaa, hai scritto di essere un gran cuoco: me la prepari la 546 dell’Artusi? 😛

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close