Ne uccide più la grazia ….

m’hai tumefatto l’anima
con le tenerezze tue rimate,
straziato il cervello e stritolato
con acutissime metafore,
il senno folgorato con inaudite
metonimie, caustiche ed ardite,
l’ingenua fede mia di bimbo polverizzato 
togliendo le brache all’onnipotente
e disseccato l’ultramontan nepente,
falciato le mie robuste gambe
con argute e astiose ditirambe ….

e or mi arrivi per dirti sfiduciato e amaro,
pentito di vivere, affondata nave del corsaro
incerto, tremante e cieco?

Ma sai che ti dico, oh mio poeta,
mio maestro dell’anima e del cuore? ….
…. anzi no, nemmeno te lo dico,
non te lo sei proprio meritato!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close