Son ore volute

ombra che sembra
d’incanto tra l’erba
nascer acerba
dal sostrato di torba

d’angelo riccioli
burrosi boccoli
si susseguon coccoli
in fila d’anatroccoli

richiamo foriero
d’un segnal severo
rivolto al can levriero
che non mantiene il paro

ma con rapida occhiata
d’afflizion accorata
asseconda ispirata
il prosieguo un po’ idiota

trionfo alfin a gran volume
del tuo pube implume
ch’è d’espression reclamo
d’irriverente acume

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close