ombre storne

ultimamente mi sparisce il sonno alle tre della notte
e uscendo in mutande sul portico estraneo e buio
aspetto il fruscio di Nippo, delle sue zampe canine,
lei mi è garante nell’insondabile saliscendi buio delle colline

intorno, le case son vegliate dalla crumira sentinella elettronica,
stanotte i raggi sorprendenti della luna
sono filtrati da una leopardata distesa di nubi
e ridacchio immaginando le sorde imprecazioni del furtivo,
che svolge pur sempre lavoro notturno,
denudato d’acchito del suo velo nero
da un capriccio di vento che sculaccia un nembo

…. e ogni tanto di lontano un cane disoccupato abbaia

Autore: dario lapi

tra i verdi colli berici - rifuggendo degli isterici - i motti assai generici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...