Enervantopologia

Mi vorrei tanto perspicace e acuto

da far passare l’immenso mar per il mio imbuto

sogno di chiudere in una trasparente bottiglia

tutto ciò che esiste e quel che gli somiglia

invece sono solo un’umile e confuso operaio nella vigna del signore

che gode dei suoi dolci e croccanti acini e non vendemmia

 

e non mi aspetto nulla dal fattore a fine giornata

se non qualche pacata rampogna devangelizzata

chè l’ego troppo voglioso è poco più che un morto

anche per il dio più buono, quello risorto

Autore: dario lapi

tra i verdi colli berici - rifuggendo degli isterici - i motti assai generici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...